Al-Via-Da-Oggi-Obbligo-Nso

Da oggi al via l’ordine elettronico tramite NSO

Parte oggi 1° febbraio 2020 l’obbligo di trasmissione dell’ordine elettronico tramite il Nodo Smistamento Ordini per l’acquisto di beni da parte di enti operanti nell’ambito del Servizio Sanitario Nazionale.

L’obbligo – introdotto con le disposizioni della Legge di Bilancio 2018 – avrà decorrenza dal 1° febbraio per l’acquisto di beni, mentre dal 1° gennaio 2021 per le prestazioni di servizi.

L’introduzione dell’obbligo sarà seguita da una prima fase di assestamento che terminerà il 1° gennaio 2021 con la non pagabilità delle fatture derivanti da ordini non elettronici relativi a beni e il 1° gennaio 2022 con la non pagabilità delle fatture relative a servizi che non contengano il riferimento all’ordine elettronico.

L’ordine elettronico dovrà essere trasmesso tramite NSO, ovvero una piattaforma intermediaria che funge da punto di scambio tra le aziende e la pubblica amministrazione, in maniera similare al Sistema di Interscambio per la fattura elettronica.

Il Nodo Smistamento Ordini si occuperà di:

  • validare il messaggio di ordine, garantendo così la correttezza formale
  • assegnare all’ordine un codice identificativo
  • inoltrare l’ordine al fornitore (o al suo intermediario identificato)
  • restituire all’emittente gli esiti associati
  • inoltrare l’ordine di acquisto alla Piattaforma Crediti Commerciali.

Cosa c’è da aspettarsi?

L’introduzione dell’obbligo è molto significativa. Con buona probabilità nei prossimi anni l’obbligo verrà esteso a tutti gli attori operanti nel mercato B2B, come successo con la fatturazione elettronica; questa trasformazione è finalizzata alla digitalizzazione totale dei processi amministrativi.

Come adeguarsi all’obbligo?

Abbiamo Smart.Order, il servizio in outsourcing per la gestione automatica del ciclo del processo d’acquisto in formato elettronico strutturato, che permette di risparmiare i costi e aumentare il livello di controllo e di visibilità dell’intero processo.

Scopri Smart.Order