Fattura Elettronica Risultati

Fattura elettronica: i risultati dopo il primo anno

Il 1° gennaio 2019 è entrato in vigore l’obbligo della fatturazione elettronica. Ma quali sono i risultati dopo il primo anno di entrata in vigore dell’obbligo?

Il numero di file trasmessi è stato altissimo: attraverso web service sono pervenuti quasi 808 milioni di fatture e ne sono stati rifiutati meno di 25 milioni, ovvero una percentuale del 3%.

Il canale di trasmissione più utilizzato è stato l’SFTP con un numero complessivo di file inviati che supera il miliardo. La percentuale di reject in questo caso è stata ancora più bassa, dell’1.69%, per un totale di 17 milioni di file.

I canali residuali per l’invio sono stati il sito “Fatture e Corrispettivi”, 11 milioni di file, la PEC, con quasi 43 milioni di file e la Porta di Dominio (esclusivo della PA), con soli 600.000 file inviati.

Questi sono i dati provenienti dal Sistema di Interscambio e aggiornati al 2 dicembre 2019.

Il numero totale fatture elettroniche transitate dal Sistema di Interscambio è stato di 1.824.757.078, ripartito in 54% per fatture B2B, 44% per fatture B2C e 1,5% per fatture verso la PA.

Le fatture emesse hanno veicolato un valore complessivo di €3.733.255.184.240 e hanno prodotto una raccolta IVA per l’Erario di € 330.792.124.205.

Delle numeriche interessanti riguardano la fattura elettronica europea, la cui trasmissione è possibile dal 18 aprile 2019. Il numero di file ricevuti è di 58 secondo lo standard UBL e 11 secondo lo standard CII, ma tutti i file sono stati rifiutati per mancanza di compliance con lo standard CIUS.

Fonte: Osservatori Digital Innovation

Vuoi rimanere sempre aggiornato sulla fatturazione elettronica?

Per restare sempre aggiornato sulla normativa vigente e conoscere ogni dettaglio tecnico, segui la nostra Academy dedicata alla Fatturazione Elettronica.

[Segui l’Academy sulla Fatturazione Elettronica]