Esterometro-trasmissione-trimestrale

Esterometro: la trasmissione diventa trimestrale

Le novità del Decreto Fiscale

Per le fatture elettroniche di importo fino a mille euro la trasmissione dell’esterometro sarà trimestrale e l’imposta di bollo sarà versata con cadenza semestrale.

Con la conversione del decreto fiscale n.124 del 2019, collegato alla manovra 2020, sono stati approvati questi due emendamenti, che entreranno in vigore dal 1° gennaio 2020.

Questa manovra andrà sostanzialmente a modificare quanto previsto dall’art. 1, c. 3-bis del D.Lgs. n.127/2015, che aveva previsto la scadenza dell’esterometro alla fine del secondo mese successivo al trimestre di riferimento.

Ricordiamo che queste modifiche saranno definitive solo dopo l’approvazione della legge di conversione del Decreto Fiscale 2020, con termine fissato al 25 dicembre 2019. 

Queste semplificazioni riducono la frequenza delle comunicazioni e degli adempimenti da realizzare, che per l’esterometro diventeranno quattro all’anno (da dodici attualmente in vigore) e il versamento dell’imposta di bollo avverrà due volte l’anno anziché almeno quattro.

Ad oggi l’invio dell’esterometro è una pratica da realizzarsi con cadenza mensile.

Con l’approvazione dell’emendamento di conversione del decreto fiscale, la trasmissione dovrà avvenire trimestralmente entro la fine del secondo mese successivo al trimestre di riferimento, solo nel caso in cui siano state effettuate e registrate operazioni da e verso l’estero.

Questo provvedimento è un primo passo verso la “semplificazione fiscale” richiesta da commercialisti ed imprese. L’esterometro è, infatti, un adempimento che ad oggi ha un calendario di scadenze tra i più fitti.

Dal 1° gennaio 2020 le scadenze relative all’esterometro saranno:

  • 31 maggio, per le spese relative al primo trimestre
  • 30 settembre, per le spese relative al secondo trimestre
  • 30 novembre, per le spese relative al terzo trimestre
  • 28 febbraio anno successivo, per le spese relative al quarto trimestre

 

Cambia anche la normativa per il versamento dell’imposta di bollo sulle fatture elettroniche: ad oggi i contribuenti sono tenuti a versare l’imposta con riferimento a ciascun trimestre entro il ventesimo giorno del primo mese successivo.

Con l’emendamento approvato, il versamento potrà avvenire semestralmente, rispettivamente entro il 16 giugno e il 16 dicembre di ciascun anno, se gli importi non superano la soglia annua di 1.000 euro.

Vuoi rimanere sempre aggiornato sulla fatturazione elettronica?

 

Per restare sempre aggiornato sulla normativa vigente e conoscere ogni dettaglio tecnico, segui la nostra Academy dedicata alla Fatturazione Elettronica.

[ Segui l’Academy sulla Fatturazione Elettronica]