Come integrare SAP con i diversi servizi satellite

Business intelligence, Industry 4.0, Digital Transformation sono tutte parole che sono entrate nel gergo e nell’utilizzo quotidiano. In azienda questo processo di digitalizzazione passa molto spesso e in misura più consistente attraverso i software ERP – Enterprise Resource Planning – i quali permettono un controllo su tutti i processi di business rilevanti di un’impresa.

Secondo la Market Share Analysis sui software ERP condotta da Gartner facendo riferimento all’anno 2018, il mercato dei software gestionali sopramenzionati ha avuto una crescita del 10% rispetto al 2017 attestandosi su un totale di $35 miliardi.

In questo mercato, SAP SE ha messo i propri piedi sul primo gradino del podio dimostrandosi l’azienda leader del mercato, sia in termini di fatturato che in termini di quota di mercato.

SAP quindi, alla luce dei fatti (o meglio, dei dati), si dimostra come la scelta preferita tra le grandi aziende, ovvero i clienti target del prodotto aziendale.

Un tema fondamentale dei software gestionali in azienda è l’integrazione tra i diversi sistemi utilizzati.

Una comunicazione confusa e non uniforme tra i portali informatici utilizzati porta a disallineamenti che possono generare mancati passaggi di consegne e altri problemi in azienda. Un altro fattore di notevole importanza da considerare è il numero di persone presenti in azienda: data infatti la dimensione delle aziende clienti di SAP con conseguente alto numero di persone che lavorano, è fondamentale una linea guida univoca dalla quale tutti i processi vengono gestiti.

Ecco quindi che le aziende sviluppatrici di soluzioni che possono guidare le aziende in questo processo di digital transformation hanno il mandato di integrarsi con i sistemi ERP, affidandosi o ponendosi come intermediario tra il cliente e il sistema gestionale che viene utilizzato per il planning delle risorse. Questa posizione permette una notevole agilità ed elasticità, permettendo al Cliente di avere delle soluzioni su misura, in base alle necessità, senza dover migrare da un sistema gestionale all’altro, con le conseguenze che ne derivano.

Archiva è in prima linea su questa frontiera. Negli anni ha stabilito un team interno che si occupa di sviluppare e adattare i servizi offerti di conservazione documentale e di gestione automatizzata dei processi – Early.Archiva e Late.Archiva – per integrarsi con i principali ERP sul mercato, tra cui SAP.

L’introduzione della fatturazione elettronica dal 1° gennaio 2019 ha creato una situazione di scompiglio: le aziende si sono trovate in una situazione dove l’integrazione di cui sopra è venuta a mancare, in quanto nessuna azienda aveva ancora sviluppato un software che permettesse di generare il file XML – necessario allo SdI – partendo dai documenti disponibili su SAP. Quindi, i principali player del nostro paese si sono trovati con un sistema – SAP – per la gestione documentale e dei loro processi, ma hanno dovuto rivolgersi all’esterno per un sistema di generazione del file XML, necessario e fondamentale per il corretto adempimento dell’obbligo.

Archiva ha sviluppato un’implementazione del proprio servizio di fatturazione elettronica Smart.Invoice affinché sia disponibile anche su SAP, per aiutare le imprese ad adempiere all’obbligo senza dover ricorrere a soluzioni non integrate con il sistema ERP.

L’obbligo di fatturazione elettronica vuole essere il primo passo verso la digitalizzazione completa dei processi aziendali. È il primo passo verso una nuova modalità di lavoro, verso una gestione documentale smart, verso il futuro.

Come integrare la fattura elettronica all’interno del proprio sistema gestionale SAP?

Per una perfetta integrazione del proprio sistema gestionale SAP con il processo di fatturazione elettronica, Archiva propone la soluzione Smart.Invoice for SAP, che permette la riconciliazione delle fatture, la generazione del file XML, la visualizzazione del rendering PDF e l’integrazione con il sistema di conservazione.

Scopri il servizio Smart.Invoice for SAP