Nuovi codici di errore dal Sistema di Interscambio

Con l’aggiornamento da parte dell’Agenzia delle Entrate, emanato oggi 30 luglio 2019, dell’Allegato A – Specifiche Tecniche, in versione 1.5 relativo alle modalità di emissione e trasmissione della fattura elettronica, sono stati introdotti nuovi codici specifici per i casi di rifiuto.

Nel documento vengono specificati i codici relativi ai nuovi controlli che sono stati introdotti.

Nello specifico i nuovi controlli sono relativi a:

  • verificare il corretto utilizzo del codice destinatario “XXXXXXX” (codice di errore 00313);
  • verificare la coerenza di partita IVA e codice fiscale (se entrambi presenti) sia per il cedente/prestatore che per il cessionario/committente (codici di errore 00320 e 00324);
  • verificare la corretta valorizzazione del codice fiscale, sia per il cedente/prestatore che per il cessionario/committente, nei casi in cui la partita IVA sia quella di un gruppo IVA (codici di errore 00321, 00322, 00325 e 00326);
  • verificare, nei casi di autofattura, che la partita IVA del cedente/prestatore non sia cessata da più di 5 anni (codice di errore 00323);
  • verificare che l’indirizzo PEC indicato nel campo PECDestinatario non corrisponda ad una casella PEC del SdI (codice di errore 00330).

Vuoi rimanere sempre aggiornato sulla fatturazione elettronica?

Per restare sempre aggiornato sulla normativa vigente e conoscere ogni dettaglio tecnico, segui la nostra Academy dedicata alla Fatturazione Elettronica.

[ Segui l’Academy sulla Fatturazione Elettronica]