quale-data-indicare-sulla-fattura

03 Lug Fattura elettronica immediata, differita e anticipata: quale data indicare?

I recenti provvedimenti di Decreto Crescita e la Circolare 14/E hanno cambiato le carte in tavola per la fatturazione elettronica e nello specifico sono cambiate le date da indicare al momento dell’emissione della fattura.

La data identificabile come “giro di boa” del cambiamento è quella del 1° luglio 2019. Da quel giorno infatti sostanziali modifiche sono state apportate all’iter di processo. È ora però utile contestualizzare la situazione prima e dopo il 1° luglio, per avere un quadro completo sulla normativa e su cosa è cambiato.

Fattura Immediata

Prima del 1° luglio
Nelle fatture immediate, la data di emissione coincide con la data di effettuazione dell’operazione; l’emissione della fattura deve infatti essere effettuata entro le ore 24 del giorno stesso di effettuazione dell’operazione.

Dopo il 1° luglio
La data da indicare al momento dell’emissione è quella di effettuazione dell’operazione, e la fattura può essere emessa fino a 12 giorni dopo la stessa. Questo termine è stato indicato dal Decreto Crescita.

Fattura Differita

Prima del 1° luglio
Nelle fatture differite, la data generalmente indicata è quella di fine del mese. Questa operazione infatti riepiloga tutti i DDT di una mensilità.

Dopo il 1° luglio
Per quanto riguarda la fattura differita, la data da indicare al momento dell’emissione (il cui termine è il giorno 15 del mese successivo all’effettuazione dell’operazione) è quella di ultimo DDT del mese incluso nella fattura.

L’esempio comunicato dall’Agenzia delle Entrate è quello di un’operazione che sia documentata da tre DDT (indicanti le date del 2, 10 e 28 settembre 2019), per la quale si intende emettere un’unica fattura differita: in tale ipotesi, precisa l’Agenzia, “si potrà generare ed inviare la stessa allo Sdi in uno dei qualsiasi giorni intercorrenti tra il 1° ed il 15 ottobre 2019, valorizzando la data della fattura con la data dell’ultima operazione (28 settembre 2019)”.

Fattura Anticipata

Prima del 1° luglio
Nelle fatture anticipate, la data di effettuazione dell’operazione è quella di emissione della fattura; la trasmissione della stessa deve avvenire entro 10 giorni dalla data dell’operazione.

Dopo il 1° luglio
Le fatture anticipate sono emesse con la data scelta dall’emittente, e devono essere trasmesse al Sistema di Interscambio entro 12 giorni dalla data indicata sulla fattura, che viene assunta come data di effettuazione dell’operazione.

Vuoi sapere anche tu come liberarti dal pensiero della fattura elettronica?

Scopri il nostro servizio Smart.Invoice, che automatizza il processo di fatturazione elettronica con il Sistema di Interscambio.