03 Lug Fatturazione Elettronica: pubblicata la circolare 13/E dell’Agenzia delle Entrate

È uscita ieri, lunedì 2 luglio, la circolare 13/E dell’Agenzia delle Entrate, in cui vengono chiariti molti quesiti riguardo la fatturazione elettronica in seguito alla proroga del 28 giugno.

Di seguito i punti più importanti della circolare:

  • Soggetti identificati in Italia – I soggetti identificati in Italia, a meno che non siano anche residenti, non sono obbligati ad utilizzare la fatturazione elettronica, e hanno diritto a ricevere la copia cartacea della fattura dai propri partner economici.
  • Nessuna sanzione per ritardi minimi – In questa fase di prima applicazione di fatturazione elettronica, in caso di piccoli ritardi nell’invio della fattura al Sistema di Interscambio, si terranno in considerazione i tempi di elaborazione e le variabili legate ai canali di invio/ricezione, e non verranno quindi applicate sanzioni, a patto che il ritardo non pregiudichi la corretta liquidazione dell’IVA.
  • Fattura scartata – In caso di fattura scartata, il contribuente ha a disposizione 5 giorni di tempo per ritrasmetterla, o potrà crearne una nuova collegata numericamente, a condizione di rispettare la liquidazione dell’imposta della fattura originaria.
  • Cessioni di carburanti – L’obbligo del 1° luglio, ad eccezione delle cessioni di carburante effettuate dagli impianti stradali di distribuzione per le quali l’obbligo è stato prorogato al 1° gennaio 2019, si applica solo per le cessioni di carburante per motori per autotrazione, ossia impiegati nei veicoli che circolano normalmente su strada. Sono quindi esclusi altri veicoli, come imbarcazioni, aerei, trattori agricoli e forestali.
  • Subappalti pubblici – L’obbligo di fatturazione elettronica in vigore dal 1° luglio nella filiera dei subappalti pubblici, si applica a coloro che, in base all’articolo 105 del Dlgs 50/2016, sono formalmente considerati subappaltatori o subcontraenti.
  • Conservazione digitale – È stata confermata la possibilità per il contribuente di conservare le fatture in formati diversi da XML, purché previsti dal decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri del 3 dicembre 2013 in attuazione del Codice dell’Amministrazione Digitale.
  • Consorzi – L’obbligo di fatturazione elettronica non si estende ai rapporti tra consorzio e consorziate.

 

>> Per leggere la circolare 13/E dell’Agenzia delle Entrate per intero clicca qui.


 

Per semplificare i tuoi processi amministrativi e contabili e gestire al meglio l’interno processo di fatturazione elettronica, dalla creazione del formato richiesto dal Sistema di Interscambio, fino alla conservazione digitale e all’esibizione a norma di tutti i documenti di rilevanza fiscale, affidati a un intermediario.

Archiva propone Smart.Invoice, un servizio totalmente in outsourcing che permette di inviare e ricevere tutte le fatture elettroniche (B2B, B2G, B2C), integrandole in maniera personalizzata all’interno dei tuoi processi aziendali, garantendo la totale compliance normativa.

>> Scopri di più sul servizio Smart.Invoice.