21 Mag Nuove indicazioni dal Forum nazionale sulla Fatturazione Elettronica

Il 18 maggio si è svolta la sessione straordinaria del Forum nazionale sulla Fatturazione Elettronica, in occasione del quale, sono emersi diversi chiarimenti relativi al tema della fatturazione elettronica.

Innanzitutto, l’incontro ha permesso la tempestiva approvazione dei provvedimenti attuativi e ha anticipato l’imminente rilascio di una seconda release delle specifiche tecniche allegate al provvedimento n. 89757 del 30 aprile 2018.

Ma non solo. Durante il Forum sono state avanzate due ulteriori proposte normative:

  1. l’aumento a 400 euro, rispetto agli attuali 100, della soglia entro la quale è possibile emettere fattura semplificata;
  2. la modifica del D.M. n.55 del 2013, che regolamenta la fatturazione elettronica nei confronti delle pubbliche amministrazioni, con l’obiettivo di superare le differenze che oggigiorno esistono con la fattura elettronica tra privati quale, tra le altre, la possibilità di notifica del rifiuto da parte dell’amministrazione destinataria.

 

Delucidazioni anche per la questione dell’avvio anticipato dell’obbligo di fatturazione elettronica: è stato chiarito che l’effettuazione di pagamenti con strumenti tracciabili riguarderà, dal prossimo 1° luglio 2018 e ai fini della deducibilità dei costi e detraibilità dell’IVA, anche le cessioni di Gpl e metano pur in mancanza dell’obbligo di documentarne l’acquisto con fattura elettronica, che rimane limitata a benzina e gasolio. La targa dei veicoli non sarà un elemento obbligatorio e non sarà comunque contenuta nel qr-code generato con l’applicazione utilizzabile per l’identificazione ed il corretto indirizzamento della fattura. La targa è però un elemento necessario al rimborso delle accise e all’individuazione della percentuale di deducibilità legata alla tipologia di utilizzo del veicolo: le indicazioni rese nel forum hanno chiarito che la targa dovrà essere indicata non nel campo “mezzo di trasporto” indicato nelle motivazioni del provvedimento, ma nella sezione “altri dati gestionali“, compilando il “tipo dato” con la stringa “targa” da indicare nel “riferimento testo“.

Per quanto riguarda il formato XML, invece, lo stesso continuerà a poter essere utilizzato anche quando saranno individuati gli altri tracciati basati su standard e sintassi europea e cioè Ubl o CiiI, come approvati dal Cen.

Infine, per quanto riguarda il recapito della fattura, una volta superati i controlli, il Sistema di Interscambio proverà a consegnare il documento al destinatario: in caso di casella PEC piena o non attiva, o di web service o ftp non attivi, il Sistema effettuerà tentativi di consegna al destinatario ogni 12 ore e per tre giorni consecutivi. Successivamente rilascerà la ricevuta di impossibilità di recapito, rendendo allo stesso tempo la fattura disponibile nell’area riservata del cessionario/committente.

Smart.Invoice, il servizio di fatturazione elettronica
Archiva è al tuo fianco per supportarti nel processo di fatturazione elettronica con Smart.Invoice, il servizio in full outsourcing che automatizza il processo di fatturazione elettronica con il Sistema di Interscambio, garantendone la conformità alla normativa, un maggior controllo ed un elevato grado di personalizzazione.

>> Scopri come ottenere la garanzia di essere compliant alla normativa affidandoti ad un Partner specializzato, cliccando qui.

Contattaci telefonicamente: 045 288 00 00
oppure scrivici a: sales@archivagroup.it