PEC obbligatoria dal 1° luglio 2017 per gli avvisi dell’Agenzia delle Entrate

Dal 1° luglio 2017 scatta l’obbligo di notifica a mezzo Posta Elettronica Certificata degli avvisi e degli altri atti inviati ai contribuenti dall’Agenzia delle Entrate.

Secondo quanto previsto dal Decreto Legge fiscale 193/2016, dal 1° luglio 2017 gli avvisi di accertamento e gli atti propedeutici (questionari, inviti, richieste di documenti) emessi dall’Agenzia delle Entrate potranno essere notificati esclusivamente via Posta Elettronica Certificata.

Quali sono i soggetti interessati?
I soggetti interessati da questo provvedimento sono le imprese individuali, le società e i professionisti iscritti in albi o elenchi istituiti con legge dello Stato; si rivolge anche a tutti quei cittadini non obbligati che ne facciano richiesta.

Cosa comporta l’introduzione di questo obbligo?
Tema centrale risulta essere la notifica dell’atto ed il momento in cui essa diventa tale.
La notifica si intende effettuata per il notificante nel momento in cui il suo gestore PEC gli trasmette la ricevuta di accettazione. Per il contribuente i termini partiranno invece dalla data di avvenuta consegna, contenuta nella ricevuta trasmessa dal gestore.

In base al DPCM 3 dicembre 2013, tutte le notifiche e gli esiti devono essere conservati a norma in base alle nuove regole tecniche.

Cosa succede in caso di casella PEC inattiva o satura?
La novità sta proprio nella procedura di notifica: se la casella PEC del destinatario risulta satura o inattiva, l’Agenzia delle Entrate tenterà un nuovo invio decorsi almeno sette giorni dal primo invio. In caso di fallimento ulteriore, la notifica dell’atto si intende effettuata mediante deposito telematico dell’atto nell’area riservata del sito di InfoCamere Scpa con relativa pubblicazione – per 15 giorni consecutivi – del relativo avviso sul sito stesso. A questo punto l’ufficio dovrà anche dare notizia al destinatario dell’avvenuta notificazione dell’atto con raccomandata, senza ulteriori adempimenti a proprio carico.

Archiva
Archiva è conservatore accreditato AgID e mette a disposizione dei suoi clienti un servizio completo di gestione della cassetta PEC integrato con la conservazione digitale a norma di tutti i messaggi e di tutte le ricevute che svincola il cliente dalle limitazioni dei tradizionali operatori. La gestione delle cassette PEC è integrata nel servizio di gestione documentale Requiro.HUB e ne estende le funzionalità.

 
>> Per maggiori informazioni
Contattaci telefonicamente: 045 288 00 00
oppure scrivici a: sales@archivagroup.it