Gruppo Veronesi si affida ad Archiva per l’automazione del ciclo passivo e la gestione delle pratiche doganali

Grazie ad Archiva, Gruppo Veronesi ha potuto attuare la sua trasformazione digitale per risponde alle esigenze di efficienza dei processi

Articolo – document management, ottobre 2016

Gruppo Veronesi, con un fatturato 2015 che sfiora i 2,8 miliardi di euro, 7700 dipendenti e un numero considerevole di aziende, risulta ad oggi un colosso nell’agroalimentare, sul territorio nazionale e d’oltralpe.

A seguito della necessità di dotarsi di sistemi per la conservazione digitale a norma dei documenti, Gruppo Veronesi ha deciso di diventare partner di Archiva, leader nell’outsourcing dei processi aziendali focalizzati sui documenti di business. Ha così adottato diversi progetti, al fine di migliorare l’efficienza amministrativa e fare un uso più razionale delle risorse disponibili.

Stefano Zampollo, Direttore Contabilità clienti e gestione crediti di Gruppo Veronesi, sottolinea come la collaborazione con Archiva abbia portato benefici in termini di aumento di produttività annua per dipendente amministrativo, passando da 19,6 milioni di euro nel 2003 a 65,8 milioni nel 2013.

Con Early.Archiva il Gruppo ha dematerializzato parte dei documenti del ciclo passivo, agevolando i processi. I vantaggi che ne sono derivati sono riscontrabili sia a livello di tempi, ridotti in maniera considerevole, che in termini di maggior controllo, dovuto all’inserimento dei documenti nei loro workflow autorizzati. Conseguenza significativa di ciò è la riduzione del 43% dei costi amministrativi.

Da un anno, inoltre, Gruppo Veronesi ha deciso di implementare il servizio Archiva.Export di Archiva, che ha permesso di agevolare la gestione dei documenti relativi all’export, informatizzando le procedure.

Per leggere l’articolo direttamente su Data Manager clicca qui oppure scaricalo cliccando qui.