27 Giu Decreto 17 giugno 2014 – Conservazione dei documenti con rilevanza tributaria

Modalità di assolvimento degli obblighi fiscali relativi ai documenti informatici

Pubblicato in Gazzetta Ufficiale n. 146 del 26 giugno 2014 il Decreto del Ministero dell’Economia e delle Finanze 17 giugno 2014, che definisce le modalità di assolvimento degli obblighi fiscali relativi ai documenti informatici ed alla loro riproduzione su diversi tipi di supporto, sostituendo così il precedente Decreto del 23 gennaio 2004.

CONSERVAZIONE
Eliminato obbligo di conservazione quindicinale delle fatture elettroniche.

Il processo di conservazione dei documenti con valenza fiscale è effettuato entro il termine previsto dall’art. 7, comma 4-ter, del decreto-legge 10 giugno 1994, n. 357, convertito con modificazioni dalla legge 4 agosto 1994, n. 489, quindi entro tre mesi dal termine di presentazione delle dichiarazioni dei redditi.

IMPRONTA DELL’ARCHIVIO E DICHIARAZIONE DEI REDDITI
Eliminato obbligo di comunicazione dell’impronta alle Agenzie delle Entrate.

Il contribuente che effettua la conservazione elettronica dei documenti rilevanti ai fini tributari, dovrà darne comunicazione nella dichiarazione dei redditi relativa al periodo di imposta di riferimento.

IMPOSTA DI BOLLO
Eliminato l’obbligo di versamento dell’imposta a preventivo e consuntivo.

Il pagamento dell’imposta di bollo sui documenti informatici fiscalmente rilevanti avviene mediante versamento nei modi di cui all’art. 17 del decreto legislativo 9 luglio 1997, n. 241, con modalità esclusivamente telematica ed in un’unica soluzione entro 120 giorni dalla chiusura dell’esercizio.

Scarica il Decreto