SMART.PEPPOL

Smart.PEPPOL è un servizio completamente in outsourcing per la gestione automatica dei documenti di business in formato UBL PEPPOL, che permette di ridurre i costi e aumentare il livello di controllo e di visibilità dell’intero processo a livello italiano ed europeo.

Archiva può operare come intermediario in quanto membro di OpenPeppol e Access Point Certificato.

MENO COSTI
RIDUZIONE DEI COSTI DI IMPLEMENTAZIONE DI UN SISTEMA PERSONALIZZATO CHE SCAMBIA ORDINI E DDT CON LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE SFRUTTANDO L’OUTSOURCING DEL SERVIZIO PER UN CORRETTO ADEGUAMENTO ALL’OBBLIGO DI LEGGE.

ADEMPIMENTO NORMATIVO
GARANZIA DI ADEMPIMENTO ALLA NORMATIVA CHE OBBLIGA I FORNITORI DELLA REGIONE EMILIA ROMAGNA A SCAMBIARE ORDINI E DOCUMENTI DI TRASPORTO IN FORMATO ELETTRONICO XML STANDARD.

MASSIMIZZAZIONE DELL’INVESTIMENTO
INTERPRETANDO QUALSIASI TRACCIATO STRUTTURATO, NON NECESSITA DI INVESTIMENTI DEL CLIENTE PER CREARE IL FORMATO RICHIESTO, MA SOPRATTUTTO PERMETTE DI SFRUTTARE IL CANALE DI COMUNICAZIONE PER GENERARE MESSAGGI EDI ED ACCEDERE A TUTTE LE OPPORTUNITÀ DI INTEGRAZIONE A LIVELLO EUROPEO.

Smart.PEPPOL ti permette di:

Ridurre i costi di integrazione con i più comuni ERP del mercato

Mediante workflow specifici del cliente che consentono di gestire qualsiasi tracciato dati strutturato.

Ridurre i tempi di implementazione di un progetto Peppol

Mediante l’utilizzo di una libreria on demand di profili PEPPOL BIS già implementati e pronti all’uso in grado di gestire i tracciati standard più comuni.

Ridurre i tempi di ricerca dei documenti

Mediante un portale web che consente di monitorare e visualizzare i documenti inviati e ricevuti dai trading Partner, tracciando in tempo reale lo stato di ogni singola transazione.

Ridurre la complessità di gestione del processo amministrativo

Mediante l’integrazione di diversi servizi disponibili sulla piattaforma Archiva, come quello di archiviazione e di conservazione documentale, EDI e Smart.PA, che sfruttano il canale PEPPOL.

Ridurre i tempi di gestione di progetti e delle attività di supporto

Mediante una struttura di Project Management e Help Desk qualificata e locale, che si prende in carico ed evade le richieste in maniera rapida e puntuale.

Ridurre i costi di implementazione del servizio Peppol

Facendo leva sull’estrazione dati e la comunicazione già in essere con Archiva, in particolare utilizzando il tracciato dati rivolto alla Pubblica Amministrazione.

Fatturazione Elettronica, Smart.PA è il servizio di Archiva che gestisce la fattura verso le Pubblica Amministrazione

Approfondimento

Il PROGETTO

PEPPOL, acronimo di Pan-European Public Procurement Online, è un’iniziativa sviluppata nell’ambito del Programma Europeo per l’Innovazione e la Competitività (CIP) che ha come obiettivo di dematerializzare tutti gli scambi di carta ed incentivare l’adozione dei documenti informatici grazie ad un’unica piattaforma digitale.

ACCESS POINT

L’Access Point a cui accedono gli enti della Regione Emilia Romagna si chiama NoTIER (Nodo Telematico Interscambio Emilia Romagna). Questo sistema, già attivo per ricevere le fatture elettroniche dallo SdI, gestirà l’invio degli ordini e la ricezione dei DDT per le PA dialogando con i sistemi intermediari adottati dai fornitori.

ATTORI COINVOLTI

Tramite la rete PEPPOL, gli operatori economici europei e le pubbliche amministrazioni possono gestire in maniera completamente dematerializzata, sicura e standardizzata lo scambio dei documenti relativi al ciclo dell’ordine ovvero documenti contabili come cataloghi, ordini e contratti, fatture, ecc.

IN ITALIA

In Italia, a seguito della delibera di giunta regionale 287/2015, dal 30 giugno 2016, qualunque fornitore della PA dell’Emilia-Romagna e del Sistema Sanitario Regionale in particolare, dovrà essere in grado di ricevere in formato UBL PEPPOL gli ordini ed avrà l’obbligo di inviare i DDT delle proprie forniture alla piattaforma regionale Intercent-ER, l’Agenzia regionale per lo sviluppo dei mercati telematici.

MODALITÀ

L’emissione, la trasmissione, il ricevimento, la conservazione e l’archiviazione dei documenti del ciclo passivo in forma elettronica avvengono attraverso il SiCiPa‐ER (Sistema regionale per la dematerializzazione del Ciclo Passivo) che è formato a sua volta da NoTI-ER (Nodo Telematico di Interscambio Regionale) e ParER (Polo Archivistico Regionale)

OBBLIGHI/SCADENZE

A partire dal 31 Gennaio 2016 e sulla base di step progressivi, tutti i fornitori della PA Regione Emilia Romagna e del Sistema Sanitario Regionale avranno l’obbligo di ricevere ordini e inviare documenti di trasporto, secondo le scadenze prefissate, tramite la piattaforma realizzata da Intercent-ER, l’Agenzia per lo sviluppo dei mercati telematici della Regione Emilia Romagna.

DAL 31 GENNAIO 2016

 

Le procedure di gara per l’acquisizione di beni e servizi effettuate dalla Regione, dagli Enti regionali e dalle Aziende sanitarie devono contenere clausole relative all’obbligo per i fornitori di ricevere ordini e inviare documenti di trasporto in formato elettronico tramite NoTI-ER.

DAL 30 GIUGNO 2016

 

Le Aziende Sanitarie sono tenute a:

  • emettere ordini esclusivamente in formato elettronico;
  • emettere documenti di trasporto indirizzati alle altre Aziende ed Enti del Servizio Sanitario Regionale esclusivamente in formato elettronico;
  • creare le condizioni tecnologiche per ricevere i documenti di trasporto in forma elettronica.

DAL 31 GENNAIO 2017

 

La Regione e gli Enti regionali sono tenuti a:

  • emettere ordini esclusivamente in formato elettronico;
  • creare le condizioni tecnologiche per ricevere i documenti di trasporto in forma elettronica.

Facile dematerializzare i documenti del ciclo d’acquisto con Smart.PEPPOL

CONTATTACI