08 Feb Circolare n.1/E – Trasmissione telematica all’Agenzia delle Entrate dei dati delle fatture emesse e ricevute

L’Agenzia delle Entrate ha reso pubblica con la Circolare n. 1/E del 07.02.2017, i primi chiarimenti circa i dati delle fatture attive e passive da riferire, per l’adempimento del D.Lgs. 127/2015.

Il 31 marzo 2017 sarà il termine per l’esercitazione dell’opzione per la trasmissione telematica dei dati di tutte le fatture emesse e ricevute, e delle eventuali variazioni, prevista dal D.Lgs. 127/2015. I termini previsti per l’effettiva trasmissione, sia per chi deciderà di aderire, sia per chi non lo farà, saranno i medesimi.

Il 07.02.2017 l’Agenzia delle Entrate ha pubblicato la Circolare n. 1/E , con la quale sono stati forniti i primi chiarimenti e le modalità operative dell’adempimento, con alcune puntualizzazioni circa la comunicazione obbligatoria dei dati delle fatture, ai sensi del decreto fiscale n.193 del 2016, ovvero in riferimento al nuovo spesometro trimestrale.

I dati richiesti devono essere contenuti in un file denominato “Dati fattura”, in formato XML e devono essere relativi alla tipologia e alla natura – ai fini IVA- dell’operazione indicata in fattura. Oltre ai dati del fornitore e del cliente, del numero e della data della fattura, la comunicazione prevede l’inserimento del valore dell’Iva o, in caso di operazioni esenti, l’inserimento una specifica causale (da N1 a N7) che consentirà di codificare la natura dell’operazione. Le causali sono le medesime di quelle già previste dall’ormai obbligatoria fattura elettronica utilizzata per le Pubbliche Amministrazioni. Ciò vale sia per le fatture emesse, sia per quelle ricevute, con l’unica differenza, per quest’ultime, di dover valorizzare anche i campi “Imposta” e “Aliquota”.

Scarica qui la Circolare n.1/E